Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

I guadagni della modella o del modello, guadagni e compensi nella moda

Il mondo della moda

I compensi che questa professione può offrire sono molto vari. Il tipo di servizio, le ore di lavoro, la destinazione delle immagini, sono elementi decisivi.
Giocano un ruolo particolare anche le caratteristiche fisiche della modella o del modello e la sua notorietà nell'ambiente, che va quasi sempre di pari passo con il livello del servizio da effettuare.
Per questi motivi è difficile dare un tariffario dei compensi per modelle e modelli che sia facilmente applicabile in ogni situazione. Quelle che seguono quindi, sono delle indicazioni di massima, valide per un servizio di "livello medio" e per una modella o un modello con con buoni requisiti e non alle prime armi.
Nelle tariffe riportate sono esclusi i rimborsi per i tempi e i costi di spostamento. Se il luogo di realizzazione del servizio non è facilmente raggiungibile dalla modella o dal modello, treni, aerei, alberghi e le ore impiegate nei viaggi (in un servizio di medio livello), saranno a carico dei committenti e si aggiungeranno alla cifra percepita per la pura prestazione. Le modelle e i modelli alle prime armi sovente decidono di svolgere lo stesso il lavoro, anche se devono sostenere delle spese e queste non sono rimborsate, per poter inserire nel loro curriculum personale nuove foto/lavori.

SFILATE
I compensi per le sfilate variano molto in proporzione all'importanza della sfilata. Una sfilata organizzata in una piccola città da un negozio di moda locale, magari ospitata nell'unico cinema esistente, frutterà generalmente compensi piuttosto bassi, nell'ordine di 50/100 o 200 Euro. Può capitare anche che la modella venga "pagata" con qualcuno dei capi indossati.
Per una sfilata organizzata invece da una grande catena di negozi o da un'azienda di moda, seppure marginalmente nota, si può partire dai 500 Euro, per arrivare anche ai 1000 - 1500.
Le sfilate importanti, quelle sotto i riflettori delle TV e dei giornali nazionali, benché talvolta possano arrivare a compensi superiori, generalmente non vedono i compensi alzarsi. Il motivo è che una sfilata di questo genere può costituire un eccellente ritorno di immagine per la modella o il modello, quindi un ottimo "investimento" pubblicitario per il suo nome e il suo volto. La modella o il modello saranno quindi in parte pagati dalla pubblicità che l'evento indirettamente le offre.

Questo vale per modelle e i modelli sconosciuti o poco noti: ovviamente, una Naomi Campbell o una Adriana Lima, potranno pretendere anche decine di migliaia di Euro per una sfilata, essendo già note a livello planetario.

REDAZIONALI
Vale ancora più per i redazionali quello che si è detto prima per le sfilate. Potendo costituire un ottimo trampolino di lancio, il ritorno maggiore che offrono i redazionali sta nella diffusiune dell'immagine della modella o del modello, più che in un immediato compenso economico. Questo, ovviamente, nel caso si tratti di giornali/riviste di una
certa importanza e notorietà.
Generalmente, i compensi per un redazionale, partono dai 200 Euro per arrivare sino ai 1000/1500. A seconda dei casi, possono talvolta essere in parte inferiori o superiori.
Nel caso delle copertine il ritorno di immagine per la modella e il modello è ancora più vasto, di conseguenza i compensi tendono ad essere minori. Non stupitevi, quindi, se molte, molte modelle ma anche molti modelli, poserebbero gratuitamente per comparire sulla copertina di riviste come Vogue o Elle, e difatti succede, o sarebbero addirittura disposti quasi a pagare per farlo...

PUBBLICITA'
Benchè il ritorno di immagine dato da una campagna pubblicitaria per una modella o un modello possa essere vastissimo, anche i compensi sono alti, al contrario, ad esempio dei redazionali, dove a volte più si guadagna in notorietà meno si guadagna in denaro.
I compensi variano di molto a seconda dei casi. Per mezza giornata di lavoro si parte da 300-400 Euro nel caso di campagne a livello locale per arrivare anche a 5000 Euro per una campagna a livello nazionale. Una parte in gioco hanno certamente le qualità fisiche della modella o del modello, assieme alla notorietà del suo volto tra gli addetti ai lavori.

CATALOGHI & COMMERCIALE
In parte il commerciale ma in particolare i cataloghi, soprattutto per la grande quantità che se ne produce, offrono buone possibilità di guadagno.
Per l'alto numero di fotografie che può contenere, la realizzazione di un intero catalogo, può durare anche alcuni giorni. Anche questo aumenta sicuramente l'interesse di questo tipo di servizio dal punto di vista economico.
Fatta eccezione per casi particolari, i compensi per i cataloghi variano meno che quelli di altri servizi. Generalmente, per mezza giornata di lavoro, si parte dai 300-400 Euro per arrivare ai 500-600.

GLAMOUR & NUDO
Generalmente i servizi di nudo e glamour, vengono pagati di più che servizi di corrispondente livello di altri generi. Il nudo, in particolare, è di solito pagato da una volta e mezza a due volte di più.

Per il compenso effettivo, molto gioca la destinazione e la diffusione delle immagini. Un servizio di nudo per una rivista di livello nazionale o per un calendario di prestigio offre ovviamente compensi ben più alti che, ad esempio, quelli di un servizio realizzato da un fotoamatore per scopi personali.
In cifre, un servizio di nudo, della durata di circa due ore, può partire da 100-150 Euro, nel caso di fotoamatori o servizi per professionisti a uso personale, sino ad arrivare a 300-400 Euro, se si tratta di servizi di tipo commerciale (che compariranno quindi su riviste, calendari etc.). Infine per i workshop, dove molti fotografi fotografano la stesa modella e che durano generalmente una mezza giornata, i compensi si aggirano sui 250-350 Euro.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu